HomeMade #2


CIVILE, Secondo Movimento
di Yesenia Trobbiani

 

CIVILE è una persona - Yesenia - unità, da sola e non sola, che si accorge di essere cellula ed ecosistema allo stesso tempo e mai in modo uguale. Un Corpo politico e autobiografico attraversato da racconti, rituali, memoria, oggetti, gesti dei luoghi da cui ha preso o a cui ha lasciato un’eredità.

Indaga i rituali personali da cui si creano quelli collettivi e le conseguenti contraddizioni sociali.

 


- La Residenza • 19-22 gennaio 2015 -

Casa come "Huaca" [termine quechua con cui gli inca definivano luoghi, oggetti o esseri animati ritenuti sacri]. Studio di 4spazi di Maison Ventidue: Cucina, Bagno, Camera da letto, Salotto -spazio comune.

 Camera #1 - Fenomeno della pendenza
 

Camera #1 - Fenomeno della pendenza

 

Camera #2 - Personale scansione temporale

Camera #3 - Rifugio con finestra

Capture d’écran 2017-04-27 à 19.28.02.png
 

Camera #4 - impronte

 
 

UNA CASA CHE SI ATTRAVERSA

- La Performance • 24 gennaio 2015, ore 21 -

Mappare per trovare la dinamicità nella “posizione del dormire”.
La Casa, attraverso la residenza, si apre, analizzando i rituali personali e le necessità di ogni microcosmo. Il quotidiano come purificazione, per ritrovare un pezzo di sé nella “perdita”, per far parte di una “Comunità”. Per articolare una performance dove il corpo è un confine politico tra il suolo e il cielo, tra il suo spazio interno ed esterno.

#artcitywhitenight2015

 
 

TRACCE di CIVILE

- L'Istallazione • 25 - 31 Gennaio 2015 -

Interpretazione fotografica di Grazia Perilli, Futura Tittaferrante e Marco Mastroianni.

 

 

Consulenza drammaturgica : Antonio Rinaldi
Consulenza artistica e documentazione ufficiale : Stefano Teodori (video), Alice Rasetti (foto)
in collaborazione con Enrico Pitozzi
Traduzioni a cura di Alessandra Tesei.